Contenuto principale

L'istituto nasce nell'anno scolastico 1997-98 a seguito della fusione di due istituti preesistenti sul territorio comunale: il Liceo Scientifico "Isaac Newton" e l'Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Bertrand Russell”.
Il plesso principale fu inaugurato il 12 aprile 1998 alla presenza del Ministro della Pubblica Istruzione e delle autorità istituzionali. Successivamente furono completate la Palestra, l'Auditorium e la Biblioteca.

Il corpo centrale si estende su tre piani dove si trovano 74 aule, 5 Laboratori Informatici/Linguistici, 3 Laboratori di Scienze, Chimica e Fisica, 1 Laboratorio Moda, 1 Centro Stampa, 1 sala riunioni; la parte sinistra ospita la Biblioteca, l’ Auditorium con una capienza di 250 persone, una grande palestra e un servizio ristoro.

L’istituto si articola in corsi diurni e serali ed è capofila dell’Istituto Tecnico Superiore M.I.T.A.

La scuola ha visto avvicendarsi tre Dirigenti Scolastici: il primo in carica fino all'a.s. 2011-12 ed il secondo fino al 2015-16, e il terzo  in servizio dal successivo a.s. 2016-17.

Il nostro Istituto rivolge la sua attenzione ai giovani e al territorio, in particolare privilegia la crescita culturale, professionale ed umana delle ragazze e dei ragazzi che lo frequentano.

Da circa 20 anni il Russell-Newton educa giovani cittadini, affianca le istituzioni in un processo di formazione continua dei giovani e degli adulti. In una realtà complessa e difficile quale quella attuale, la nostra attenzione è volta a dare alle nostre ragazze ed ai nostri ragazzi le migliori competenze per affrontare l'università, i corsi post-diploma, ed il mondo del lavoro e per dar loro le più ampie possibilità nel mercato globale e quindi nella vita.

Noi lavoriamo per dare ai nostri giovani coscienza civica e prospettive di crescita culturale e professionale. Per questo l'offerta di più indirizzi, unica nel panorama provinciale e resa possibile dalla grande dimensione dell'Istituto, garantisce una possibilità di scelta ampia e l’opportunità di modificarla nel tempo senza cambiare l'ambiente in cui i ragazzi sono inseriti.